800 638332
Condividi su
Ultima modifica mercoledì 09 gennaio 2019 10:47

Usa vs Huawei: ecco le aziende che boicottano il colosso cinese

Già in diversi articoli abbiamo affrontato il tema dell'appello del governo Usa agli alleati per non utilizzare gli impianti di telecomunicazioni del colosso cinese Huawei.

I funzionari americani ritengono che la multinazionale possa sviluppare un'attività di spionaggio per conto del governo cinese.

Ad aggravare la situazione, l'arresto di Meng Wanzhou, la figlia del fondatore di Huawei, accusata di aver violato le sanzioni contro l'Iran.

All'appello Usa hanno risposto le prime aziende. L'azienda di telecomunicazioni francesi Orange ha dichiarato che non utilizzerà gli impianti Huawei.

Lo stesso vale per Deutsche Telekom in Germania e il colosso del Regno Unito Bt Group.

Ci sono invece dei Paesi che hanno peso posizioni ufficiali, che di fatto avallano le pressioni Usa.

Ad esempio la Norvegia, che vuole escludere dalla reti di telecomunicazioni quelle nazioni su cui non vi è una stretta collaborazione in materia di sicurezza. Anche Paesi come Australia, Giappone e Nuova Zelanda hanno iniziato a prendere le distanze.

In Italia non è stata presa alcuna decisione nel merito: aziende come Tim, Vodafone e Fastweb continuano a collaborare col colosso cinese.

Chiamaci al numero 800 638332 Scrivici Stampa la paginaStampa la pagina